testata home OK

Lunedì, 30 Aprile 2018 00:00

Incontri - La bellezza che sempre sorprende

Sono andata a trovare Lucia a casa sua. E’ stato bello. Ma non ho foto da postare e condividere, e il nome è di fantasia. Nel degrado di periferie urbane di qualunque latitudine l’umano brilla sempre di luce insopprimibile, ma va circondato di molta cura e rispetto: non è un evento da esibire, è l’orma di Dio nel creato e ci si coglie il segno della sua gloria.
In ogni incontro “da anima ad anima”, nel dialogo personale o in aula con i miei studenti, si cresce tutti in umanità. Ma nella fatica e nella tenacia di vite capaci di sfidare la rassegnazione e la disperazione, "la bellezza" del volto di Dio sprizza fuori in modo sorprendente e sempre nuovo.Con Lucia ci siamo conosciute in una breve degenza ospedaliera, una casualità segnata dall’iniziativa di Dio. Lei e i suoi amici si muovono con leggerezza nei percorsi accidentati della burocrazia e anche dei piccoli quotidiani disguidi, ritardi, omissioni e anche ingiustizie con cui tutti dobbiamo confrontarci nelle nostre giornate, ma per le persone “svantaggiate” – per malattia, povertà, esclusione – anche l’aiuto dei servizi sociali deve fare i conti con tali meccanismi. Eppure Lucia e i suoi amici sono capaci di gustare le piccole e grandi gioie della vita: una cosa buona da mangiare, ma anche una canzone, una poesia, perfino una gita al mare (cosa apparentemente impossibile per una persona bloccata a letto, ma è successo), tutto ciò che è condiviso nell’amicizia. L’inventiva di un amico infermiere, appena smontato dal turno di notte in ospedale, ha portato Lucia di sorpresa perfino in Vaticano, per il pranzo del 19 novembre 2017 con papa Francesco.Il papa le piace, ma ha molte domande sulla religione: «Ci sono cose su Dio che non capisco, ci devo pensare». Parliamo di molte cose. E quando scopre qualcosa su Dio si illumina tutta: un ri-conoscere qualcosa che le appartiene, da sempre. Perché è sua figlia.
La parrocchia non è lontana, e il suono delle campane si è sentito forte. «Passando davanti alla chiesa – ho detto – sai cosa ho visto scritto (in latino)? “Riconosci, cristiano, la tua dignità”. E’ una frase famosa di Leone Magno». Le è piaciuta.L’unica finestra, con le inferriate – la baracca è tutta al pianterreno – è troppo in alto per poter vedere altro che un pezzetto di cielo. Per aprire la finestra occorre che qualcuno si arrampichi sul letto, lei non potrebbe farlo. «Mi dispiace che tu non veda mai fuori» – anche se non c’è molto da vedere, fra tanto cemento –, è come in un carcere». L’ho detto senza pensarci. Ha sorriso: «Forse non ti ricordi che in carcere ci sono stata [poi l’hanno rimborsata, per ingiusta detenzione, n. d. r.]: però la finestra era ad altezza d’uomo, vedevamo fuori, attraverso le sbarre. Ma ci sono carceri peggiori». Era un reparto per donne che avevano accettato di disintossicarsi mediante il metadone, e lei si occupava, allora, del bambino di un’altra detenuta, lo faceva giocare, perché la mamma stava più male di lei.
Mi ha parlato anche di un suo amico recentemente scomparso: insieme alla moglie andava a trovarla quando era in ospedale, anni fa, e l’ha sempre aiutata. Era un ex prete, con figli ormai grandi. Uscendo, mi sono ricordata delle ultime parole del curato di Bernanos: «Tutto è grazia».
Pubblicato in IN DIALOGO
Lunedì, 07 Maggio 2018 00:00

Incontri - Ecco l'uomo

M. sta compilando il modulo di richiesta di prodotti per l’igiene personale e vestiario, distribuiti settimanalmente dall’associazione di volontari carcerari in cui presto servizio. Guardandolo con l’occhio clinico di insegnante in pensione, mi viene spontaneo osservare:
«Che bella grafia! Che mestiere fai fuori di qui?»
«Il ladro. Ho sempre fatto il ladro». Sorrido, pensando a certi films di Totò: «Che bel mestiere! Complimenti!». Si è creata una certa empatia. «Guarda le mie mani, possono essere solo mani di ladro!»; e poi sbotta: «Signora, ho bisogno di lavorare, io: ho tre figli e un quarto in arrivo». Ecco, la corteccia del ruolo (ladro – detenuto) si è sgretolata ed è affiorato l’uomo, mio fratello. E allora gli dico: «Insegnerai mica anche ai tuoi figli, a rubare?» Si accalora: «I bambini non si adoperano! Al lavoro penso io. Anzi, sapete, quando mi capitano… persone anziane, torno indietro: le persone anziane non si toccano» Scherzo: «Allora io posso stare tranquilla!» «Voi? A voi dovrei solo fare un monumento, per il gran bene che ci fate. Dio vi deve ricompensare!».
Pubblicato in IN DIALOGO

Contatti

homeVia Appia Antica 226
00178 Roma (Italia)

tel

+39 06 78 44 11

icona fax+39 06 78 44 11 217

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi siamo

L’“Unione S. Caterina da Siena delle Missionarie della Scuola” è una congregazione religiosa domenicana.
Siamo chiamate ad affiancare il cammino dei nostri contemporanei con lo studio e la preghiera e a cercare con loro le risposte evangeliche agli interrogativi di società complesse e multiculturali. 
Vogliamo perciò vivere in coerenza un cristianesimo di frontiera ed essere lievito e sale, che hanno poca visibilità ma fanno crescere e danno sapore. 
L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.