testata home OK

Sabato, 07 Settembre 2019 16:17

Il miracolo dell’educazione

Una educatrice lotta contro una bambina. La prima vuole a tutti i costi insegnare qualcosa, l’altra vuole che tutto vada come vuole lei, perciò terrorizza tutti intorno con il suo comportamento, qualche volta simile a un animaletto selvatico. Chi ricorda “Anna dei miracoli”? Era un vecchio film (1962) con Anne Bancroft e Patty Duke, narrava una storia vera, la vicenda di Hellen Keller (1880-1968), una bambina sordomuta e cieca, e della sua educatrice. Difficile dire chi è la protagonista: l’insegnante, Anne Sullivan, ipovedente, ma con un carattere forte e ostinato, oppure Hellen, anche lei testarda ma molto intelligente. Tutto il film si concentra sulla sfida tra loro due.

Il film si presta a molte letture e riflessioni, ma io parto dalla mia esperienza di insegnante. Da 10 anni lavoro con i bambini, in scuole materne ed elementari, private o statali, e spesso sono stata animatrice, con altri giovani, nei campeggi: quasi in ogni gruppo c’era almeno un bambino simile a Helen – chiuso in sé, ma contemporaneamente proteso a cercare di comunicare con l’esterno nell’unico modo con cui riusciva a farlo, cioè comportandosi male.

C’è una vasta bibliografia sulle cause di tali situazioni e le diagnosi sono tante – mancanza di educazione in famiglia, mancanza dei genitori, sorveglianza eccessiva, videogiochi, Internet, mancanza di movimento fisico, incompetenza degli educatori, ecc. Ognuno può aggiungere qualcosa e forse con ragione. Ma la realtà è questa: non possiamo provare a cambiare il mondo intorna a noi, ma non possiamo cambiare le persone; non scelgo gli alunni che ho in classe e non posso far scomparire i problemi delle persone. Nessuna speranza?Anche ad Anne sembrava così. Aveva escogitato vari stratagemmi per trasformare Hellen in una persona dai comportamenti civili, per salvarla da un destino crudele, anche con metodi che oggi sarebbero inaccettabili. E in qualche modo era riuscita: la bambina aveva cominciato a mangiare con la forchetta, a pettinarsi, a non urlare quando voleva qualcosa. A volte anche a me, in classe, mi viene da pensare: “Vorrei soltanto che Marco o Sofia stesse tranquillo/tranquilla per cinque minuti, si comportasse in modo civile almeno fino alla fine dell’ora di lezione!”.

Anne ha intuito che questo risultato non valeva molto: qualunque comportamento buono potrebbe improvvisamente cambiare, perché basato su un addestramento e sulla costrizione. E’ un po’ come nel “Mito della caverna” di Platone: io, che sono l’educatore, ti libererò dalle catene e ti porterò nel mondo vero, fuori dalla caverna. Ma non funzionerà. L’alunno tornerà prima o poi al modo di vivere precedente, perché è qualcosa di suo, che lui conosce. Non ci sarà vero cambiamento se non si toglie lui le catene, se non si alza e comincia a camminare lui verso l’uscita, sia pure con il sostegno dell’educatore. Deve venire il momento in cui scatta qualcosa: non può farlo l’educatore, può accadere solo nell’alunno. E’ come quando si spiega un indovinello complicato: magari te lo spiegano cinque volte e non capisci niente, ma la sesta volta scatta qualcosa e si capisce tutto in un momento: chissà perché prima sembrava tanto difficile! L’educatore è importante, ma come uno che accompagna: lui spiega come fare, ma non può fare il salto al posto dell’alunno. Deve stargli vicino, spiegare in tutti i modi possibili, cercare di essere paziente, soprattutto, perché non si sa in quale momento il “miracolo” accade. Quel vecchio film lo mostrava in modo efficace e per chi opera nel campo educativo stimola riflessioni preziose.

Ma dove prendere le forze per essere paziente nell’aspettare? Per un cristiano la risposta dovrebbe essere semplice, ma non posso dire che è sempre facile: qualche volta mi è mancata la pazienza, perchè “non c’è tempo”, “così è più facile”, “ci sono altri bambini vicino”... Le parabole di Gesù, però, ci hanno insegnato che dopo tante parole seminate apparentemente a vuoto, in 2000 anni molte sono via via arrivate in terra buona e il Vangelo cresce e si moltiplica nel mondo. Senza la fiducia che ci sarà il momento dell’accendersi della persona, educare non avrebbe senso. E chissà quante volte un educatore qualunque è diventato “operatore di miracoli” senza saperlo?
Pubblicato in IN DIALOGO
Martedì, 04 Giugno 2019 12:38

Missionarie sempre e dovunque

Sono vissuta per sei anni in una meravigliosa foresta del Karnataka, dove ho aiutato a fondare una scuola per bambini e ragazzi di diversa età e religione, in collaborazione con le famiglie e gli insegnanti. La natura lussureggiante, le palme da cocco cariche di frutti, le voci e i colori di tanti diversi uccelli, la danza dei pavoni quando aprono la coda, il ronzio delle api e il profumo del miele, il sole rosso al mattino e la luna d’oro la sera, tutto era un cantico al Creatore, e ogni creatura era al suo posto.

In questa cornice d’incanto arrivavano, verso le 9 del mattino, 9 pullman carichi di bambini e ragazzi, raccolti da villaggi sperduti nella foresta, e tutta la giornata era con loro, la nostra gioia era vederli crescere, imparare e giocare, finché nel pomeriggio tutti ripartivano e noi ci reimmergevamo nelle voci della foresta.

Ora qui a Chembur la vita è diversa, e l’aria non è così buona. Abbiamo aperto una piccola comunità alla periferia di Mumbai, dove in questi ultimi anni è cresciuto l’allarme inquinamento (industrie chimiche, traffico di mezzi pesanti, vicinanza della discarica di Deoar).

Gli abitanti hanno cercato di sollecitare provvedimenti governativi di risanamento ambientale, finora senza successo. Con l’aumento delle patologie i benestanti hanno abbandonato il quartiere ormai troppo contaminato, ma il calo degli affitti ha attirato molti nuovi abitanti, tanto che tra un grattacielo e l’altro è spuntato un sottobosco di casupole di mattoni, plastica e lamiera, dove la pluralità di etnie, religioni e lingue rende difficile la comunicazione anche tra vicini di casa: sono persone sfrattate da quartieri più costosi, sfollati dalle campagne, immigrati da altri Paesi, in fuga da fame e violenza.

La grande urgenza è costituita dall’istruzione e dall’integrazione: qui la minoranza cristiana è lievito fecondo di vita e la scuola cattolica, dalla materna alla secondaria, popolata da alunni di ogni lingua, etnia e religione, è semenzaio di una nuova generazione, plurale e solidale. Nelle aule, nei corridoi, nel grande prato della scuola, centinaia di bambini e ragazzi insieme ai loro insegnanti imparano a parlarsi e a interagire con gioia e rispetto reciproco, e anche l’educazione alla cura dell’ambiente fa parte dei programmi scolastici, fin da piccolissimi. Sono la speranza di Chembur.

Non ci si può capire e amare a distanza. Così questo nostro nuovo luogo di missione, caotico e multiforme, mi appare non meno splendido della foresta del Karnataka: nel traffico e nelle moltitudini in movimento durante il giorno, e dietro ogni luce che brilla di notte come in un presepio, so che ci sono creature magari esteticamente non cosi belle come quelle della foresta, ma infinitamente amate da Dio e ora che sono qui sono felice di condividerne la vita e quindi anche i disagi quotidiani e i rischi dell’inquinamento. “Missionarie sempre e dovunque”, diceva Luigia Tincani: una volta di più, sperimento la verità di queste parole.
 
Pubblicato in IN DIALOGO

Contatti

homeVia Appia Antica 226
00178 Roma (Italia)

tel

+39 06 78 44 11

icona fax+39 06 78 44 11 217

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi siamo

L’“Unione S. Caterina da Siena delle Missionarie della Scuola” è una congregazione religiosa domenicana.
Siamo chiamate ad affiancare il cammino dei nostri contemporanei con lo studio e la preghiera e a cercare con loro le risposte evangeliche agli interrogativi di società complesse e multiculturali. 
Vogliamo perciò vivere in coerenza un cristianesimo di frontiera ed essere lievito e sale, che hanno poca visibilità ma fanno crescere e danno sapore. 
L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.